Temporale in arrivo

Tempo di lettura: 1 min

L’immagine che accompagna questo testo mostra il duomo di Milano tra nuvoloni minacciosi. È, mi pare, una buona metafora per descrivere la realtà del nubifragio Covid che s’abbatte in Lombardia e altrove.

Sentiamo, sappiamo che una tragedia è in atto. E ne conosciamo i responsabili: la gestione improvvida e talora criminale da parte di molte autorità; l’irresponsabilità di molti; lo spirito genocida dei negazionisti; l’incapacità di comunicare pochi dati e ordini chiari; la consueta battaglia delle lobby, volte a far prevalere i loro interessi sulla tutela della salute; il deficit di pianificazione; la tragedia del decentramento regionale.

Ora tutto ciò si mescola col disagio collettivo: non solo gli ansiosi meteoropatici vanno in tilt, ma tutta la società sente l’atmosfera elettrica, vorrebbe correre ai ripari, tende ad auto-isolarsi anche prima del lockdown.

La casa torna ad apparire protettiva, anche se sappiamo che è e sarà spesso luogo di contagio.

Chi può cerca aiuto nelle micro-comunità di riferimento.

Chi vuole si prepara ad accogliere o almeno ad ascoltare gli sfollati, a dare solidarietà.

La sindrome è quella del diluvio universale. Ma dov’è l’Arca?

Un commento su “Temporale in arrivo”

Lascia un commento